Vivere a Bologna

Bologna la Dotta, Bologna la Grassa, Bologna la Turrita, ma anche Bologna la Rossa! Ognuno di questi soprannomi racconta una caratteristica di questa città unica nel suo genere, come il fatto che sia un luogo d’eccellenza per la cucina italiana e un centro urbano ricco di attrazioni culturali, sede della più antica università d'Europa. Ma veniamo al dunque. Se hai deciso di trasferirti e di vivere a Bologna per motivi di studio o per ragioni di lavoro, il primo passo è cercare una casa. Da dove iniziare per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze economiche e logistiche?

La città offre un’ampia scelta di quartieri molto diversi tra loro, tra questi il Quadrilatero, il centro storico di Bologna. Qui si trova Piazza Maggiore, la piazza principale, delimitata da Via Rizzoli e vicina alle due Torri. In questa zona potrai ammirare edifici iconici, come la basilica gotica di San Petronio, i palazzi comunali, il museo medievale, la cattedrale barocca di San Pietro e i negozi del Quadrilatero. Se ami la storia e l'atmosfera del tempo che fu, questo è il posto che fa per te.

Se il tuo obiettivo invece non è solo abitare a Bologna, ma viverla, Via del Pratello ti conquisterà: è la strada dei bar, dei ristoranti, insomma della movida. Qui troverai alcune delle migliori gastronomie della città dove acquistare pasta fresca o tortellini realizzati a regola d'arte. Rimanendo sempre in tema, passeggiare per i mercati rientra sicuramente tra le cose da fare a Bologna.

Bologna Piazza Maggiore
Bologna Due Torri

A due passi da Piazza Maggiore, ad esempio, l'antico mercato medievale offre prodotti freschi, formaggi, salumi e pesce. Concediti una sosta golosa presso una delle tante gastronomie che costeggiano le vie. A proposito, non perderti l’Antica Salsamenteria Tamburini, che dal 1932 offre prodotti tipici della gastronomia emiliana, principalmente insaccati. Bologna non offre solo buon cibo: se ti piacciono le zone vivaci e alternative, dai un’occhiata al quartiere studentesco. Si estende da Piazza Maggiore all’antico ghetto Ebraico; gli studenti rappresentano più di un quarto dei residenti ed è una delle zone più vive ed economiche di Bologna con numerose caffetterie, ristoranti e bar. Qui ci sono molte associazioni militanti che perpetuano l'anima contestatrice e rivoluzionaria della città. Di conseguenza, vi si svolgono numerosi eventi culturali e politici. Il quartiere alternativo è artistico, culturale e pieno di vita. Rimanendo nell’area universitaria, meritano una menzione e una visita approfondita anche Piazza Verdi, luogo di ritrovo per gli studenti e il Museo di Palazzo Poggi, che espone testimonianze di fisica, anatomia, botanica, geologia, arte militare, nautica, pittura giapponese e persino le cere anatomiche utilizzate per il corso di anatomia. Tra i musei più originali della zona, c’è anche il Museo europeo degli studenti, che ospita una mostra che ripercorre l'evoluzione della figura dello studente nei secoli. Per raggiungere questi luoghi e vivere appieno la città, puoi scegliere di spostarti con vari tipi di trasporti a Bologna: tra i principali l’autobus, che è senza dubbio il mezzo di trasporto di riferimento. A Bologna si chiama TPER (Trasporto Passeggeri Emilia Romagna). I biglietti singoli possono essere acquistati sull'autobus (con un piccolo sovrapprezzo) o presso le piccole biglietterie delle stazioni. Anche la bicicletta è un valido mezzo con cui attraversare l’intera città; Bologna, infatti, vanta una pista ciclabile lunga circa 120 chilometri.

Bologna La Venerina

Da vedere assolutamente

Quando si arriva a Bologna, la prima cosa da fare per orientarsi è cercare le Due Torri in Piazza di Porta Ravegnana, guardiane della città e situate all’incrocio tra le nobili vie di San Vitale, Strada Maggiore, Zamboni, Santo Stefano e Castiglione. Se invece preferisci stare a contatto con la natura, visita il quartiere meridionale, che con le sue colline punteggiate di chiese, ville signorili e il Santuario di San Luca, è il polmone verde di Bologna. Al di fuori delle zone più turistiche, la città nasconde un altro quartiere in cui la vita scorre a ritmo lento, le persone si incontrano nei bar per parlare di politica e di quotidianità, e i vicini si aiutano a vicenda come una volta. Questa è la zona del Pratello, attraversato dall'omonima via. Per fare qualche acquisto, invece, visita il distretto Manifattura delle Arti, nonché il regno dello shopping a buon mercato, dove, tra le catene di negozi e i mercati, rimangono ancora negozi storici. Tra i luoghi da non perdere c’è il vecchio ghetto ebraico fiancheggiato da stretti vicoli in cui passeggiare. Un’altra tappa obbligata è Bolognina. Per molti non è altro che un quartiere difficile, ma nel tempo è riuscita a trasformare la sua criticità nella base della sua rinascita. Qui il cambiamento è costante e lo si percepisce passeggiando tra i locali, i tavoli dei ristoranti, i mercati, i bar alla moda e i musei.

Bologna è ricca anche di zone dove fare shopping, come il Quadrilatero d'Oro. Si trova in pieno centro ed è compreso tra le vie Rizzoli, Farini, D'Azeglio e Castiglione. Tra queste, la più elegante (e anche quella con i negozi più costosi) è Via d'Azeglio. Per un altro genere di acquisti, non puoi mancare al mercato delle pulci di Piazza VIII Agosto. È enorme e offre una grande varietà di prodotti, da ornamenti e souvenir, fino ai vestiti di seconda mano e oggetti da collezione. Un altro mercato degno di nota è il Mercato delle Erbe, che risale al secolo scorso.

Come hai potuto vedere, si possono fare tante cose durante la giornata, ma per quanto riguarda la sera?Bologna è considerata la città più liberale e tollerante d'Italia. Tra i migliori locali da visitare, segnaliamo innanzitutto "Il Cassero". Si tratta di un centro culturale, simbolo della comunità gay e lesbica dove vengono organizzate feste e serate speciali. Un altro locale gay è il Bart Club, tra i più trasgressivi in città e famoso per le sue serate a tema. Infine, a pochi passi dalle due torri, il bar Il Barattolo è perfetto per l'aperitivo e organizza spesso eventi che pubblicizza sulla pagina Facebook.

Studiare a Bologna

L'Università di Bologna, fondata nel 1088, è considerata uno degli atenei più tradizionali d'Italia e d'Europa. È stata anche una delle prime università ad ammettere docenti donne dal XII secolo, modificando vecchi pregiudizi mentre l'Europa discuteva la questione della cultura femminile.

Nel corso della sua storia ha ricevuto e accolto personalità illustri come Pico della Mirandola, Erasmo da Rotterdam e Niccolò Copernico.

Questa università vanta nove secoli di storia in cui ha sviluppato la ricerca come una delle sue attività prioritarie rendendola uno dei punti di riferimento della ricerca scientifica in Europa.

Perchè Bologna è la città perfetta per gli studenti

Possiamo dire, senza tema di smentita, che Bologna può essere definita una tra le migliori città per gli studenti.

Le diverse facoltà sono raggruppate principalmente nel quadrante nord-orientale della città (il cosiddetto quartiere universitario), ma le biblioteche e i luoghi di studio si trovano un po' ovunque.

Dato che Bologna non è una città molto grande, girare a piedi o in bicicletta per il centro è facile e in pochi minuti è possibile raggiungere la propria meta.

Trovare una casa non è difficile. Ci sono alcuni alloggi per studenti di proprietà dell'università, ma soprattutto case private affittate agli studenti, con costi che dipendono dalla zona scelta, e che di solito sono piuttosto accessibili.

Se a tutto ciò aggiungi la vita sociale, la possibilità di stringere amicizie internazionali e l'ottima cucina è facile capire perché questa città può essere definita "student-friendly".

Bologna Università

I quartieri di Bologna

Porto e Saragozza

Banner-banner

Borgo Panigale e Reno

Banner-banner

Navile

Banner-banner

Santo Stefano

Banner-banner

Savena

Banner-banner

San Donato e San Vitale

Banner-banner
Bologna Mercato Delle Pulci

Dove mangiare a Bologna

La tradizione culinaria di questa città è così importante che si è guadagnata il soprannome "la Grassa". Vale dunque la pena sincerarsi se questo soprannome è davvero meritato.

Il miglior ristorante a Bologna centro è Da Nello al Montegrappa. Le pareti sono tappezzate di foto di celebrità e Vip che frequentano il locale. I piatti proposti sono quelli della tradizione Bolognese.

Ottima cucina in un ambiente casalingo anche all'Antica Trattoria della Gigina. Inizia con un piatto particolare, la spuma di mortadella condita con salsa e gelatina balsamica, per poi tornare ai piatti della tradizione come il carrello dei bolliti.

L'Antica Trattoria Fantoni è una trattoria specializzata in tortelloni, lasagne e grigliate, in un'atmosfera casalinga, forse troppo: pare ci lavorasse un cuoco che ogni tanto usciva a insultare i clienti...

Per mangiare con una vista mozzafiato sui colli, vale la pena fare una gita all'Osteria del Nonno che propone tigelle, crescentine e dolci casarecci.

E chiudiamo con I Portici che si è guadagnato 1 stella Michelin. Lo chef, Gianluca Renzi, utilizza prodotti del territorio rivisitando i piatti tipici.

Bologna Tortellini

Appartamenti a Bologna

Qualche domanda

Hai altre domande?

Altre Città