Economia, chimica  e ingegneria. Più di  200 offerte per neolaureati

10 Luglio 2018

Corriere della Sera

Economia, chimica e ingegneria. Più di 200 offerte per neolaureati


Volete la garanzia di un posto di lavoro? Iscrivetevi ad ingegneria. O, in seconda battuta, ad economia. Sono le lauree tecnico scientifiche ad assicurare un impiego. E le competenze in ambito digital. Non è certo una novità ma, considerando il basso numero di iscritti a queste facoltà e l'alto numero di giovani disoccupati, ripeterlo giova. Blasonata conferma arriva anche dall'annuale indagine di Gidp/Hrda svolta in collaborazione con Actl-job farm. Non si tratta di fredde statistiche o proiezioni teoriche. Sono i direttori HR - coloro che assumono per mestiere - a fornire le linee guida. La quasi totalità degli intervistati (95%) afferma di aver inserito stagisti e ben il 78% li ha poi assunti. «Le aziende cercano giovani che possano far la differenza rispetto ai senior», sottolinea Paolo Citterio, presidente nazionale Gidp. «Interessa il titolo di studio ma nei colloqui sono valutate motivazioni e soft skills». Nei pochi casi in cui non sono stati inseriti stagisti, né assunti neolaureati (4%) il motivo va ricercato nel business che richiede profili già formati. Bocciati invece i laureati in lingue. Il motivo è scontato per gli addetti ai lavori ma non sempre noto agli studenti: nel mondo 4.0 le lingue costituiscono un prerequisito. 

Saras, raffinerie sarde, cerca a Milano una ventina di giovani. In particolare profili Itc in ambito architettura dati e nell'area finanziaria e legale. «Il sentiero è prestabilito» spiega Stefania Torelli, HR business partner. «Proponiamo stage di sei mesi. Poi sono in molti ad entrare». In Sardegna sono apprezzati soprattutto ingegneri chimici e informatici.

Consorzio Casalasco del Pomodoro, 1400 dipendenti e marchi come Pomì e De Rica, cerca tecnologi alimentari a Parma, Cremona e Piacenza. Le selezioni estive inoltre coinvolgono centinaia di generici; e negli stabilimenti occorrono elettricisti, meccanici e conduttori di impianti, persone operative che però occuperanno posizioni strategiche. Saint Gobain, 20 siti produttivi in Italia, seleziona una ventina di neolaureati: ingegneri 4.0, chimici, di processo, di materiali, ma anche economi, profili amministrativi, marketing e vendite. E laureati in materie umanistiche per le Risorse Umane e la Responsabilità sociale d'impresa.

Le vacancy del gruppo Zucchetti, 4000 dipendenti, sono 120. Si ricercano matematici, statistici, economi ma anche giuristi. L'85% degli stagisti, lo scorso anno, è stato confermato. DoveVivo, nato nel 2007, ha registrato una crescita importante. Ad oggi occupa 72 professionisti che dovrebbero presto raddoppiare (architetti, geometri, ingegneri a Roma, Bologna, Torino). Uno staff giovane per un'azienda italiana dal profilo "millennial" entrata nella classifica del Financial Times.

DoveVivo acquisisce H4U srl, società di gestione immobili
17 Settembre 2018
Monitor Immobiliare

DoveVivo acquisisce H4U srl, società di gestione immobili


Leggi tutto›
Fuori sede, spesso fuori casa. Il progetto DoveVivo
11 Settembre 2018
Senza Filtro

Fuori sede, spesso fuori casa. Il progetto DoveVivo


Leggi tutto›
Case per studenti: un mercato che cresce in fretta
1 Settembre 2018
Il Settimanale de Il Quotidiano Immobiliare

Case per studenti: un mercato che cresce in fretta


Leggi tutto›