Come possiamo aiutarti?

Che cos’è l'Addebito Diretto SEPA (SDD)?

Il servizio elettronico di incassi tramite Addebito Diretto SEPA (SDD) è un incasso pre-autorizzato utilizzato generalmente per i pagamenti di natura ricorrente, come ad esempio per le utenze (bollette di telefono, luce, gas o le rate di un prestito personale), ma può essere utilizzato anche una tantum (one off) per il pagamento di fatture commerciali.
L'addebito diretto SEPA è una convenzione che viene stipulata dalle società che erogano i servizi di pagamento nei confronti del soggetto che effettua il pagamento, il quale, sottoscrivendo l’opzione, autorizza gli addebiti diretti sul conto corrente.

Come funziona?

Sottoscrivendo il modulo del mandato Addebito Diretto SEPA (SDD) e comunicando le coordinate bancarie, autorizzi DoveVivo ad addebitare sul conto corrente indicato l'importo prestabilito in scadenza. In questo modo non dovrai più preoccuparti di ricordare la data di scadenza da rispettare e dedicare del tempo ad effettuare i bonifici o a pagare con carta di credito o contanti. L'unica cosa a cui dovrai prestare attenzione, è avere la liquidità necessaria sul conto corrente comunicato.

Quali sono i Paesi dell'area SEPA?

I paesi che rientrano nell'area SEPA sono i 28 Stati dell’Unione Europea, di cui 17 Paesi hanno l’euro come moneta unica (Germania, Francia, Italia, Portogallo, Austria, Grecia, Irlanda, Finlandia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Slovenia, Cipro, Estonia, Slovacchia, Malta e Spagna), e 11 Paesi usano una moneta diversa dall’euro (Svezia, Regno Unito, Lituania, Lettonia, Polonia, Danimarca, Repubblica Ceca, Bulgaria, Romania, Croazia e Ungheria).
A questi, si aggiungono 5 paesi che non fanno parte dell’Unione Europea, che usano una moneta diversa dall’euro ma usano questa valuta per fare i pagamenti (Principato di Monaco, Norvegia, Islanda, Svizzera, Liechtenstein).
I Paesi extra SEPA sono, invece, tutti i Paesi che non sono indicati sopra in quanto non fanno parte dell’accordo economico effettuato tra i vari Paesi che si trovano nel continente europeo.

Non ho un IBAN italiano, cosa posso fare?

Se hai un IBAN legato a un conto corrente dell’area SEPA, anche se non è un conto corrente italiano, puoi usarlo senza problemi. In caso contrario, dovrai utilizzare servizi alternativi come bonifico, carta di credito e contanti.
Se, durante la tua permanenza, aprirai un conto corrente italiano, potrai in qualsiasi momento fare il passaggio all’addebito diretto SEPA.

Posso utilizzare un IBAN con un intestatario diverso da me?

In fase di sottoscrizione del modulo del mandato Addebito Diretto SEPA (SDD), dovrai indicare le coordinate su cui vorrai attivare l'addebito diretto e il rispettivo intestatario. Se le coordinate dovessero essere differenti dalla persona che firma il contratto di sublocazione dovrai indicare questa divergenza in fase di sottoscrizione del modulo SDD.

Quando mi verrà addebitata la somma?

Non dovrai pensare più a nulla. L'addebito avverrà in maniera automatica il giorno della scadenza della fattura. Potrai controllare l'importo addebitato direttamente sul sito della tua banca. L'invio della fattura precederà sempre l'addebito sul conto corrente.

Come verifico gli addebiti?

Nel caso cui non dovessi esser al corrente degli importi che stiamo addebitando per il saldo della fattura, puoi contattarci in qualsiasi momento per avere chiarimenti e per risolvere tempestivamente ogni problema.

Cosa succede in caso di insoluti?

Potrebbe accadere che le coordinate bancarie indicate non siano corrette o che nel giorno dell'addebito non sia presente la liquidità necessaria. Ciò creerebbe un insoluto e quindi la fattura risulterebbe non pagata. In tal caso, non ti preoccupare... verrai ricontattato da un nostro addetto per definire il saldo del dovuto.